Sandro Carotti
Diplomato nel 1982 alla Bottega Teatrale di V. Gassman e G. Albertazzi. Debutta come voce recitante in "Histoire du Soldat" di I.Stravinsky con l'orchestra del Cons. Cherubini di Firenze diretta da B. Campanella. È voce recitante nell'opera di V. Bucchi "Il gioco del barone", messo in scena dal musicologo C. Orselli. Viene scritturato da G. Albertazzi per "Enrico IV" e da G. Lavia, come co-protagonista, ne "Il Diavolo e il buon Dio" di J.P.Satre. Per due anni è con M. Ranieri in "Rinaldo in campo" di P. Garinei.
Nel 1986 è tra i fondatori di Zauberteatro: da allora è il protagonista di numerosi spettacoli e aiuto regista. In particolare è unico interprete di "1492 - libri di Lorenzo". "Scintille futuriste" è il suo debutto da regista.
Con diversi compositori crea partiture originali per musica e voce fra questi C. Boncompagni, A. Cavallari, M. Ligabue, F. Giomi, J. Faralli, M. Ruffini, M. Giammarco, F. Sisti.
Studia con G. Bartolomei l'uso espressivo della voce. Ha insegnato presso Istituti superiori. Ha inciso la collana di CD "Storia della letteratura italiana e Straniera" in qualità di voce recitante, per il quotidiano "La Repubblica". Svolge attività di doppiaggio e speakeraggio.