produzione Intralcio efficiente



"L'Amore ai tempi
del Giudizio Universale"


di Francesco Mancini


con
Francesco Mancini

chitarre
Francesco Canavese

regia
Francesco Mancini

assistente alla regia
Debora Trisciuoglio

progetto luci
Mario Librando


Firenze, parco di Villa Fabbricotti
31 luglio e 1 agosto 2008



L'Io narrante, mentre sta tranquillamente nel mercato del suo paesino, viene inondato dalla visione metafisica del Giudizio Universale. Una vecchia nera e laida che appare accanto a lui nello stesso momento lo guiderā, inquisitoria e munita di alitosi, in una sorta di presa di coscienza attraverso un inferno tragicomico ma sincopato, collettivo ma personale.
Alla ricerca di una risposta. O di una risorsa. O di una mela morsa.
"L'Amore ai tempi del Giudizio Universale" č un percorso satirico, un'operazione comica, musicale e immaginifica in bilico tra il teatro-canzone alla maniera di Gaber e il teatro classico di narrazione.



FRANCESCO MANCINI - Inizia a lavorare con Nativi, Zavagli e Chiti. Collabora a varie produzioni della Compagnia Arca Azzurra Teatro. Autore di drammaturgie e sceneggiature, fa parte del gruppo di scrittori del Teatro della Limonaia.




vai al cartellone della rassegna "Fabbricotti 2008"

vai al "cartellone 2008"