produzione Zauberteatro

in collaborazione con


Del risciacquar
la toga in Arno

ovvero
Discorso intorno alle cose che dell’acqua e del cielo sentono, fatto dal signor Gali­leo Galilei usando di poesia e di quant’altro inventare sia dato attorno al vero e a se medesimo

di Sergio Ciulli da testi di Galileo Galilei ed altri autori



con
Massimo Grigò


regia
Sergio Ciulli

musiche originali
Daniele Andriola e Susy Bellucci

allestimento scenico
Mario Librando e Giacomo Pipitone

aiuto regia
Camilla Daldoss


Firenze, fiume Arno
13, 14, 20, 21, 22,
27, 28 e 29 luglio 2010



L'occasione è stata il 2009, '”Anno Galileiano”. In realtà il “personaggio” Galileo era da tempo che ci affascinava: aspettavamo solo il pretesto per poterci lavorare sopra. L'incontro con i responsabili del Museo di Storia della Scienza di Firenze, poi, ha fatto sì che potesse realmente nascere qualcosa di interessante.
Come già più volte fatto con altre figure storiche eccellenti, uno su tutti con il Lorenzo de' Medici dello spettacolo “1492 – libri di Lorenzo”, ci piace andare a cercare gli aspetti meno conosciuti dei personaggi. E questo caso non è diverso: il “nostro” Galileo, che prende vita dal testo sapientemente redatto da Sergio Ciulli, regista ed attore fiorentino che non necessita di presentazioni, è ben lontano dalla figura ieratica e paludata dello scienziato e cattedratico alla quale siamo abituati. Lo troviamo in barca a ragionar sì di “cose scientifiche” sui fluidi ed altri temi, ma pronto a divagare, a lasciarsi portare lontano dalla musica, dalla corrente del fiume o dalla poesia dell'Ariosto. Quasi un vincolo, per lui, non certo un privilegio, il “dover portar la toga” professorale; ne farebbe volentieri a meno, soprattutto nel caso di attività quotidiane, da uomo qualunque, alle quali non disdegna di dedicarsi.
Si naviga sull'Arno, ideale collegamento fra le due città galileiane, Firenze e Pisa, si sogna, si sorride. La speranza è quella che il cielo ci riservi la presenza in scena della Luna, quella vera, unica “ospite d'onore” della festa.

Un doveroso ringraziamento va alla Direzione ed al personale del Museo di Storia della Scienza, recentemente ristrutturato e riaperto al pubblico col nuovo nome di “Museo Galileo”. Il loro aiuto è stato indispensabile: dalla consulenza scientifica, all'accesso ai preziosi testi della biblioteca fino al “prestito” del prezioso costume di scena.

Mario Librando




MASSIMO GRIGÒ - Diplomato alla Bottega Teatrale di V. Gassman, collabora con Remondi e Caporossi per sei anni. Per dieci anni lavora col regista Angelo Savelli. Con la compagnia Lombardi-Tiezzi è impegnato come attore in diversi spettacoli. Inoltre lavora con le più note compagnie fiorentine: Kripton, Arca Azzurra, Laboratorio Nove. Nel cinema ha lavorato in due film dei fratelli Taviani.






vai al cartellone della rassegna "Fiume Arno 2010"

vai al "cartellone 2010"