produzione Zauberteatro 2021


di e con

Massimo Grigò

Silvia Guidi




con la partecipazione di


Marco Faccenda
Mario Librando
Alessio Riccio
Luana Segreto



Da sempre si discute se i testi delle canzoni, o meglio, i testi di alcune canzoni sono da ritenersi “poesia” o no. L'assegnazione del Nobel alla Letteratura a Bob Dylan, poi, ha confuso ancora di più le acque...
Non vogliamo dare risposte in materia: vogliamo però dire la nostra! E, come spesso succede, vogliamo farlo nella maniera, per l'appunto, più “scanzonata”.
Molte canzoni sono, senza ombra di dubbio, belle, bellissime, dei capolavori. Marcano indelebilmente la vita di ciascuno di noi. Ma, interpretando diversamente il testo, senza cambiarne una virgola, rimangono lo stesso fantastiche? O, magari, diventano assolutamente esilaranti...? Niente a che vedere con quello che erano prima...
Così nasce “E noi fra di voi” che, parafrasando il titolo della famosa canzone di Aznavour del 1971, ripercorre quella che, per noi “non-più-giovanissimi”, è stata (presumibilmente) la colonna sonora dei fantastici, ruggenti, fantasmagorici anni '70 e '80 (sconfinando un pochino anche nei '90). Da “Piange il telefono” a “La prima cosa bella”, da “Minuetto” a “Soli”, da Don Backy a Patty Pravo, una divertente cavalcata musicale, insomma, durante la quale sarà difficile sia non ridere che non cantare!
Nota della Produzione - Non è necessario essere ultracinquantenni vaccinati AstraZeneca per ridere a questo spettacolo: possono farlo tranquillamente spettatori di qualunque età, tanto anche i poppanti conoscono queste canzoni!


Mario Librando, aprile 2021





Firenze, Giardino dell'Iris
accesso da Viale Poggi 3a

6, 7, 8 e 9 luglio 2021
ore 20:00






vai ai curricula degli artisti di "...e noi fra di voi"


vai al "cartellone 2021"


vai alla Home Page