produzione Zauberteatro 2021


di e con

Silvia Guidi
voce e performance

Alessio Riccio
musiche originali




con la partecipazione di

Giorgio Della Pergola
Andrea Inserra
Lorenzo Librando
Niccolò Viti



e di

Marco Faccenda
Mario Librando
Luana Segreto



Demetra, Dea della Natura, sua figlia Persefone, avuta dal fratello Zeus, Ade, Dio degli Inferi. Questi i primi attori del racconto.
Come già in “Lupi”, le suggestione sonore di Alessio Riccio faranno da controcanto alla poliedrica voce di Silvia Guidi. Insieme, le note e le parole, ci porteranno nuovamente fra le liti dei divini, fra le loro dispettose dispute, i rancori, le travolgenti passioni, stavolta a spiegarci come sono nate le Stagioni.
Non ci soffermeremo sui peccati e sulle colpe degli umani. Anzi, questi ultimi saranno solo le vittime di tutto questo “pasticciaccio” divino: si ritroveranno con la Terra che, per metà dell'anno, non darà frutti e sembrerà “addormentata”. La bella stagione, foriera di vita e di crescita, si alternerà, per volere ultimo di Zeus, con la stagione fredda, nella quale le piante sembrano morire e la sopravvivenza per tutti si fa difficile.
Non è un caso che, come già scrivevamo a proposito di “Lupi”, si può ravvisare una certa affinità fra la vicenda narrata e l'attuale momento storico: la speranza è in una “primavera”, intesa come nuova rinascita, si spera non legata, in questo caso, ad un futuro, non lontano, nuovo inverno...


Mario Librando, aprile 2021





Firenze, Giardino dell'Iris
accesso da Viale Poggi 3a

14, 17, 18, 21, 23, 28 e 30 giugno 2021
1 luglio 2021
ore 20:00






vai ai curricula degli artisti di "Stagioni"


vai al "cartellone 2021"


vai alla Home Page